Skip to content

✅Buongiorno , oggi riprendiamo un passo dell’articolo scritto a 4 mani con Claudio Sabbatini e comparso sul Sole24Ore lo scorso 29 agosto: a pag. 25 della Settimanale Fiscale web abbiamo trattato il tema della mancata istituzione di adeguati assetti in azienda ed elencato la recente giurisprudenza (Tribunali di Milano, Roma e Corte di Cassazione).

Prima di affrontare il tema ti voglio chiedere:

-la tua azienda hanno uno strumento per misurare gli adeguati assetti a norma di legge?

-la tua azienda verificano periodicamente l’adeguatezza dei loro assetti a norma di legge?

-lo strumento (se lo hai) è di tipo quantitativo (cioè basato su analisi di dati passati) oppure qualitativo (cioè basato su analisi looking-forward, come la Balanced Scorecard – Cruscotto di Controllo® )?

Se hai risposto no ad una di queste domande, o se non hai uno strumento “looking-forward” ti consigliamo di contattarci per una visita senza impegno da parte di un nostro consulente del Network Consulenti Aziendali d’Italia (scopri in fondo cosa è il nostro Network)

Ecco l’estratto dell’articolo. Si precisa che «L’ istituzione degli assetti di cui all’articolo 2086, secondo comma, spetta esclusivamente agli amministratori» (per le Srl si veda l’articolo 2475, comma 1, Codice civile e per le Spa si vedano gli articoli 2380-bis, comma 1, e 2409-novies, comma 1, Codice civile).
L’articolo 378, CCI ha aggiunto – dal 16 marzo 2019 – un sesto comma all’articolo 2476, Codice civile che, nella sua prima parte, recita testualmente: «Gli amministratori rispondono verso i creditori sociali per l’inos- servanza degli obblighi inerenti alla conservazione dell’integrità del patrimonio sociale…. (omissis)».

Pertanto, la mancata istituzione di adeguati assetti e la mancata verifica periodica circa la loro adeguatezza può legittimare, in capo agli amministratori e ai sindaci, un’azione di responsabilità per danni (articoli
2260, comma 2; 2381, comma 3; 2392, comma 1; 2476, comma 1, Codice civile) 9.

Sul punto si cita la recente giurisprudenza.

Tribunale di Milano, sezione Imprese B, sentenza 19 ottobre 2019:
«Onde affrancarsi ad un eventuale intervento tribunalizio di cui all’articolo 2409 Codice civile, occorre senza indugio adottare quel tipo di modello previsionale che offra la possibilità di leggere le capacità dell’impresa di stare sul mercato». Diversamente, la mancata adozione degli adeguati assetti apre la strada alla denuncia in tribunale per le gravi irregolarità gestionali commesse dagli amministratori

Tribunale di Milano, sentenza 21 ottobre 2019

I collegi sindacali di due Spa (controllante e controllata) denunciavano gravi irregolarità nella gestione tra cui «inadempienze e atteggiamenti omissivi od inerti in ambito organizzativo e gestionale». Le società
avevano ingenti indebitamenti, ma l’organo amministrativo si è limitato a cercare alcuni finanziatori interessati all’acquisto di alcuni asset aziendali.
La mancanza di un piano industriale o di ristrutturazione dei debiti
costituisce grave irregolarità, foriera di pregiudizio per le società
amministrate in quanto idonea a compromettere le prospettive di
ordinata uscita dalla crisi

Tribunale di Roma, sentenza 8 aprile 2020

Il socio di una Srl propone un’azione di responsabilità nei confronti dell’ex presidente del consiglio di amministrazione e dell’ex direttore generale per il danno arrecato al patrimonio sociale conseguente all’inosservanza dello specifico canone di diligenza professionale richiesto dalla natura dell’incarico. Nello specifico, è stato contestato il fatto di aver provveduto ad assumere un ingente numero di lavoratori dipendenti quando l’attività d’impresa non era stata ancora avviata, in attesa di ricevere le prescritte autorizzazioni ed anzi di aver continuato ad assumere personale anche quando oramai era palese che le predette autorizzazioni non sarebbero state concesse

Tribunale di Roma, sentenza 15 settembre 2020

Gli amministratori hanno omesso di accertare la perdita della continuità aziendale, ignorando gli evidenti segnali di crisi rappresentati dal fatto che le entrate generate dall’attività produttiva non erano neppure sufficienti a coprire i costi di produzione e che la società era stata fatta oggetto di plurime azioni esecutive da parte dei creditori sociali Corte di Cassazione, sentenza 28 settembre 2020, n. 20389

Al fine di invocare l’esimente della forza maggiore (nel caso, le condizioni oggettivamente straordinarie derivanti dalla pandemia da Covid-19) contro l’irrogazione delle sanzioni per omessi pagamenti di debiti tributari, l’amministratore deve aver assunto ogni possibile iniziativa per premunirsi contro le conseguenze dell’evento anomalo e avere implementato gli adeguati assetti

Merita menzione anche l’articolo 14, comma 1, CCI, e prima ancora l’articolo 2403, Codice civile, che pone a
carico dei revisori l’obbligo di vigilare costantemente se l’organo amministrativo protegge adeguatamente
il patrimonio aziendale e misura costantemente la continuità aziendale. Qualora non lo facessero il revisore
deve mandare una comunicazione con cui ammonisce l’organo amministrativo, a cui concede 30 giorni di
tempo per adottare dei provvedimenti correttivi; in difetto potrebbe scattare la segnalazione al giudice ai
sensi dell’articolo 2409, Codice civile.

Evita anche tu i rischi derivanti dalla mancata istituzione di adeguati assetti!

Non conosci il Network Consulenti Aziendali d’Italia?

Il Network è formato da consulenti che aiutano le imprese a migliorare lo stato di salute dell’azienda, la qualità di vita dell’imprenditore e della sua famiglia. I consulenti utilizzano tecnologie innovative e forniscono consulenza ad alto valore aggiunto a 360°: grazie alla forza del Network abbiamo specialisti competenti in tutte le tematiche aziendale, dal controllo di gestione, alla fiscalità, alla sicurezza, alla finanza, ecc… Si riunisce in streaming 2 volte al mese (il secondo e il quarto mercoledì del mese), ed è coordinato dal Prof. Simone Brancozzi, ideatore e creatore del Cruscotto di Controllo®.

Durante le riunioni il Prof. Simone Brancozzi propone argomenti di interesse e novità utili per la crescita professionale di tutti i membri del Network.
Le riunioni riscuotono sempre grande interesse, con una media di oltre 100 partecipanti.

Una volta all’anno il Network organizza un incontro formativo e svago in presenza, organizzato su più giorni, chiamato: “Convention Nazionale del Network Consulenti
Aziendali d’Italia”, che attualmente è arrivato alla 6° edizione, ed ogni volta si svolge in una location diversa.
Ecco le location delle varie edizioni:
Edizione n°1: Fano (PU)
Edizione n°2: Durazzo (Albania)
Edizione n°3: Porto San Giorgio (FM)
Edizione n°4: Isola d’Elba (LI)
Edizione n°5: Trento
Edizione n°6: Sicilia Ovest

Il nostro Network è il più numeroso ed autorevole network della consulenza aziendale in Italia.

Leonida Consulting srl • P.IVA IT02258640446
Registro delle Imprese di Fermo, n° iscrizione 02258640446
• Sede legale: Corso Monforte, 7 • 20122 Milano
Sedi operative: Contrada Campiglione 20 • 639000 Fermo (FM) Via Mazzini, 57 • 63884 • Grottazzolina (FM)"
Tel. 0734/605020 • Fax 0734/608282 • Cell. 335/7589095
• Email network@consulentiaziendaliditalia.it
Privacy policy